lunedì 15 febbraio 2010

E il tempo passa..

Premetto, avranno capito tutti che coi titoli non ci so fare, è che non trovo le parole adatte a riunire le cose che mi girano per la testa..
Sono ormai da anni nel giro dell'autolesionismo, perlomeno nel gesto esplicito, poi se vogliamo contare i morsi che mi davo già da quando avevo 5 anni, allora è un altro discorso. Ma non è solo questo.. Mi sembra ieri il primo taglio, mi sembra ieri il primo giorno di scuola, mio padre ubriaco, le risate d'estate, gli amici, la prima sigaretta, il primo alcolico..
E ora cosa sono? Tiriamo le somme, cosa sono? nulla.
Da ragazza estroversa secchiona e solare sono passata a una cazzo di depressa autolesionista e fumatrice, che schifo.. E ogni tanto mi chiedo come posso essermi ridotta così.. Ma vabbè.
Coerenza non c'è, ma ho una gran voglia di passeggiare co una maglietta a maniche corte.. Di mettermi in costume, a prendere il sole, come tutte le persone, a volte vorrei essere come loro, vorrei esserlo però senza scordare ciò che penso della società, ma sto vaneggiando di nuovo. Meglio troncare il discorso qui.
E oggi l'ho visto, che bella sensazione.. adoro quando sorride, ho deciso, gli parlerò, non so come, ma in fin dei conti che ci perdo?
Freud direbbe che mi ricorda la figura paterna, o che comunque tende ipoteticamente (si scrive così spero) a rimpiazzarla.
Mi hanno sempre attirato gli uomini più grandi, e lui attira parecchio..

2 commenti:

  1. "a volte vorrei essere come loro, vorrei esserlo però senza scordare ciò che penso della società" lo provo spesso anche io

    abbracci
    E.

    RispondiElimina
  2. Mi fa piacere non essere l'unica

    RispondiElimina